27 anni. Viene da Ruvo di Puglia (BA). "La mia terra, per la bellezza dei suoi borghi gremiti di turisti, è la regione ideale per il diffondersi del cibo di strada. L'estate poi è il periodo migliore per lasciarsi conquistare da un aperitivo a base di panzerotto e birra ghiacciata!" Michelangelo ha scelto di vivere di cucina dall'età di 14 anni, ai tempi della Scuola Alberghiera a Molfetta. La sua carriera è iniziata come aiuto-cuoco nei villaggi turistici, è proseguita nelle Sale Ricevimenti fino ad approdare in ristoranti prestigiosi come "Le Gavroche" a Londra, spaziando dalla cucina regionale italiana all'alta gastronomia. Inoltre, ha affiancato per due anni i docenti della Boscolo Etoile Academy in vari corsi acquisendo grande abilità nella preparazione di piatti raffinati, basati sull'utilizzo di ingredienti semplici e di qualità. Si è occupato altresì dell'apertura di un locale nel suo paese dove deliziava i commensali con proposte "street" che prevedevano il meglio della Puglia ma anche di alcuni paesi del mondo. Oggi è in Svizzera per un incarico di consulenza presso un grande albergo vicino a Saint Moritz. Da 10 anni al suo fianco c'è Viviana, grafica pubblicitaria. Michelangelo si considera un curioso esploratore poiché trasforma un viaggio di lavoro o di relax in un'esperienza culinaria indimenticabile. Adora passeggiare per le vie delle città ed assaporare le tipicità di ciascun luogo. Le spezie sono ormai un tratto distintivo della sua cucina. Ama raccontare i suoi viaggi attraverso sapori suadenti e profumi inebrianti. Sin da piccolo ha avuto la passione per lo sport (in particolare il basket) ed il gioco di squadra. Questo gli ha permesso di formare in cucina gruppi di lavoro sempre affiatati. Fa parte della NIC (Nazionale Italiana Cuochi)

27 anni. Viene da Ruvo di Puglia (BA).

La mia terra, per la bellezza dei suoi borghi gremiti di turisti, è la regione ideale per il diffondersi del cibo di strada. L’estate poi è il periodo migliore per lasciarsi conquistare da un aperitivo a base di panzerotto e birra ghiacciata!” Michelangelo ha scelto di vivere di cucina dall’età di 14 anni, ai tempi della Scuola Alberghiera a Molfetta. La sua carriera è iniziata come aiuto-cuoco nei villaggi turistici, è proseguita nelle Sale Ricevimenti fino ad approdare in ristoranti prestigiosi come “Le Gavroche” a Londra, spaziando dalla cucina regionale italiana all’alta gastronomia. Inoltre, ha affiancato per due anni i docenti della Boscolo Etoile Academy in vari corsi acquisendo grande abilità nella preparazione di piatti raffinati, basati sull’utilizzo di ingredienti semplici e di qualità. Si è occupato altresì dell’apertura di un locale nel suo paese dove deliziava i commensali con proposte “street” che prevedevano il meglio della Puglia ma anche di alcuni paesi del mondo. Oggi è in Svizzera per un incarico di consulenza presso un grande albergo vicino a Saint Moritz.
Da 10 anni al suo fianco c’è Viviana, grafica pubblicitaria. Michelangelo si considera un curioso esploratore poiché trasforma un viaggio di lavoro o di relax in un’esperienza culinaria indimenticabile. Adora passeggiare per le vie delle città ed assaporare le tipicità di ciascun luogo. Le spezie sono ormai un tratto distintivo della sua cucina. Ama raccontare i suoi viaggi attraverso sapori suadenti e profumi inebrianti. Sin da piccolo ha avuto la passione per lo sport (in particolare il basket) ed il gioco di squadra. Questo gli ha permesso di formare in cucina gruppi di lavoro sempre affiatati. Fa parte della NIC (Nazionale Italiana Cuochi)

]]>