Crema di castagne con bondiola vicentina e radicchio Caccia al cuoco Lorenzo Cogo Ingredienti: 200g di castagne fresche 1/4 di cipolla bianca olio extravergine d'oliva q.b. brodo di carne q.b. 1 bondiola precotta (in alternativa un cotechino) 1 cespo di radicchio di Treviso 2 cucchiai di aceto di vino bianco 1 cucchiaio di zucchero semolato sale e pepe q.b. Per la decorazione: cime di finocchietto fresco q.b. 2-3 fette di pane casereccio Media Caccia al cuoco Primi Piatti 40 min Procedimento: Versare la bondiola in una pentola con acqua molto calda e lasciar cuocere per 20' circa. Tagliare la cipolla a julienne e farla rosolare in una pentola con un filo d'olio extravergine d'oliva. Privare le castagne della buccia e tritarle conservandone una intera. Versare le castagne tritate nella pentola con la cipolla, allungare con il brodo e cuocere 10' circa. Frullare il composto con il frullatore a immersione ed emulsionare con un filo d'olio extravergine di oliva. Aggiustare la crema di sale e pepe. Infine lavare il radicchio, tagliarlo a julienne e marinarlo in una soluzione di aceto e zucchero per 5' circa. Una volta pronta, scolare la bondiola e tagliarla a fette. Servire la crema di castagne calda alla base del piatto, adagiarvi sopra la bondiola e terminare con il radicchio precedentemente scolato. Spolverare con la castagna grattugiata a crudo e decorare con le cime di finocchietto fresco. Servire con dei crostini di pane a piacere. BONDIOLA: è un insaccato di carne di maiale realizzato con lo stesso impasto del cotechino (carni, cotica, parti muscolari più dure, eventualmente lardo) a cui vengono aggiunti sale, pepe, cannella e chiodi di garofano. Il tutto viene insaccato in ritagli avanzati di budello. Il prodotto assume una forma tondeggiante e presenta un sapore simile a quello dei cotechini, speziato e leggermente piccante. Esiste una variante contenente la lingua salmistrata del maiale e la tradizione vuole che venga mangiata nel giorno dell'Assènza (Assunzione). E' un piatto tipico della cucina veneta. Procedimento:
Versare la bondiola in una pentola con acqua molto calda e lasciar cuocere per 20’ circa.
Tagliare la cipolla a julienne e farla rosolare in una pentola con un filo d’olio extravergine d’oliva. Privare le castagne della buccia e tritarle conservandone una intera. Versare le castagne tritate nella pentola con la cipolla, allungare con il brodo e cuocere 10’ circa. Frullare il composto con il frullatore a immersione ed emulsionare con un filo d’olio extravergine di oliva. Aggiustare la crema di sale e pepe. Infine lavare il radicchio, tagliarlo a julienne e marinarlo in una soluzione di aceto e zucchero per 5’ circa. Una volta pronta, scolare la bondiola e tagliarla a fette. Servire la crema di castagne calda alla base del piatto, adagiarvi sopra la bondiola e terminare con il radicchio precedentemente scolato. Spolverare con la castagna grattugiata a crudo e decorare con le cime di finocchietto fresco. Servire con dei crostini di pane a piacere.


BONDIOLA: è un insaccato di carne di maiale realizzato con lo stesso impasto del cotechino (carni, cotica, parti muscolari più dure, eventualmente lardo) a cui vengono aggiunti sale, pepe, cannella e chiodi di garofano. Il tutto viene insaccato in ritagli avanzati di budello. Il prodotto assume una forma tondeggiante e presenta un sapore simile a quello dei cotechini, speziato e leggermente piccante. Esiste una variante contenente la lingua salmistrata del maiale e la tradizione vuole che venga mangiata nel giorno dell’Assènza (Assunzione). E’ un piatto tipico della cucina veneta.

 

 


 

 

 

 

 
 

 


 

    

 

 

]]>