LogoEditoreMinisito_Rai.itLogoEditoreMinisito_RaiTv_2012
Parchi Nazionali
Un patrimonio dal valore inestimabile non solo per flora e fauna, ma anche per architettura, arte, tradizioni popolari, artigianato ed enogastronomia. Uno strumento fondamentale per la tutela, la conservazione e la promozione del nostro paese. Impara a conoscere l’Italia più bella

>>Per saperne di più
Aree Marine Protette
Il mare protetto italiano, un patrimonio incredibile per ricchezza e varietà di specie animali, vegetali e testimonianze archeologiche, storiche e architettoniche. Scopri cosa sono e dove sono le Aree Marine Protette italiane

>> Per saperne di più
Agire per l'ambiente
Immissione di gas serra in atmosfera, deforestazione, inquinamento, allarme energetico: sono alcuni dei tanti fattori che stanno mettendo a serio rischio la conservazione del pianeta; temi attuali che rappresentano le grandi sfide dell’ecologia e che necessitano, oggi più che mai, di una soluzione.

>> Per saperne di più
Stili di vita ecocompatibili
L’amore per la natura si vede anche nei piccoli gesti quotidiani. Le nostre scelte di vita infatti possono avere un impatto notevole sull’ambiente senza che noi ne siamo consapevoli. Quali sono allora le scelte “giuste” e ispirate ad uno stile di vita in armonia con l'ambiente?

>> Per saperne di più

Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

    » Segnala ad un amico
    • Regione: Toscana
    • Provincia: Grosseto, Livorno
    • Comuni: 11
    • Estensione: 16.996 ettari di superficie terrestre e 56.766 ettari di superficie a mare
    • Istituzione: L. 28/08/89, n. 305; DD.MM. 21/07/89-29/08/90; D.P.R. 22/07/96
    • Ente gestore: Ente Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano

    Il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, il più grande parco marino d'Europa, comprende le sette isole principali al largo della Toscana: Elba, Capraia, Gorgona, Pianosa, Montecristo, Giglio, Giannutri. Ad esse si aggiungono circa 40 scogli e isolotti minori e una fascia di mare circostante le isole di Capraia, Montecristo, Gorgona e Giannutri. L'isola di Montecristo è riserva naturale statale dal 1971. Caratteristica principale di questo parco è la grande estensione di mare protetto. Le isole sono paesaggisticamente molto varie e presentano una formazione geologica assai diversa tra loro: Capraia è vulcanica, il Giglio, Montecristo e l'Elba sono prevalentemente granitiche mentre Gorgona è occupata da rocce di origine metamorfica. Giannutri, Pianosa e gli altri isolotti minori, come le Formiche di Grosseto, sono invece quasi completamente costituite da rocce calcaree. La grande varietà geologica influenza la morfologia di ciascuna isola: l'Elba è l'isola più grande e la più varia; Montecristo è un unico cono di roccia e Pianosa una piatta lingua di terra. Nonostante le diversità le sette isole hanno in comune l'acqua tersa, le calette, le grotte e i promontori.

    L'antichissima presenza dell'uomo, testimoniata dai ritrovamenti e dalla lunga tradizione di lavorazione dei minerali, ha prodotto profondi cambiamenti nella vegetazione originaria e i boschi di leccio restano solo in alcune parti dell'Elba. La flora delle isole è costituita soprattutto da specie mediterranee. Poiché in passato l'Arcipelago Toscano ha rappresentato un'importante area di rifugio e di collegamento tra il sistema sardo-corso e la penisola, in questa area è possibile rinvenire numerosi endemismi vegetali, assieme a specie presenti solo in Corsica e in Sardegna.

    La macchia mediterranea è la vegetazione dominante: la macchia "alta" è rappresentata da erica arborea, scoparia e corbezzolo, misti a mirto e lentiscoLa macchia "bassa" è invece tipica dei punti più ventosi, dove resistono i cisti con belle fioriture. Tra i fiori, troviamo la cineraria, la violacciocca rossa, il giglio di mare della Sardegna, il cardo agglomerato ed alcuni endemismi come la linaria e il fiordaliso di Capraia, la viola dell'Elba. Le isole toscane sono anche un grande ponte migratorio tra l'Europa centrosettentrionale ed il continente africano:sono infatti, una delle mete preferite dagli ornitologi di tutta Europa. Di assoluta rilevanza è la nidificazione, all'Elba e a Capraia, del falco pellegrino, il più veloce predatore alato.

    Sono numerose inoltre colonie di uccelli marini, berte e gabbiani, tra i quali il raro gabbiano corso, specie endemica del Mediterraneo e presente in Italia in pochissime località. I mammiferi terrestri sono quelli tipici dell'ambiente mediterraneo con la rilevante presenza della martora; diffusa e visibile è anche la presenza del coniglio selvatico. Estinto sin dall'inizio dell'Ottocento il cinghiale maremmano, una trentina di anni fa il è stato introdotto il cinghiale centroeuropeo detto “Sus scrofa”, probabilmente risultato di un ibrido con i suini domestici. In assenza di predatori, tale specie ha potuto riprodursi a dismisura all'Elba divenendo un problema per la tutela degli endemismi floristici e la salvaguardia delle colture agricole. Sporadicamente è stata segnalata la foca monaca mentre è possibile l'avvistamento di cetacei.

    Rai.it

    Siti Rai online: 847