LogoEditoreMinisito_Rai.itLogoEditoreMinisito_RaiTv_2012
Parchi Nazionali
Un patrimonio dal valore inestimabile non solo per flora e fauna, ma anche per architettura, arte, tradizioni popolari, artigianato ed enogastronomia. Uno strumento fondamentale per la tutela, la conservazione e la promozione del nostro paese. Impara a conoscere l’Italia più bella

>>Per saperne di più
Aree Marine Protette
Il mare protetto italiano, un patrimonio incredibile per ricchezza e varietà di specie animali, vegetali e testimonianze archeologiche, storiche e architettoniche. Scopri cosa sono e dove sono le Aree Marine Protette italiane

>> Per saperne di più
Agire per l'ambiente
Immissione di gas serra in atmosfera, deforestazione, inquinamento, allarme energetico: sono alcuni dei tanti fattori che stanno mettendo a serio rischio la conservazione del pianeta; temi attuali che rappresentano le grandi sfide dell’ecologia e che necessitano, oggi più che mai, di una soluzione.

>> Per saperne di più
Stili di vita ecocompatibili
L’amore per la natura si vede anche nei piccoli gesti quotidiani. Le nostre scelte di vita infatti possono avere un impatto notevole sull’ambiente senza che noi ne siamo consapevoli. Quali sono allora le scelte “giuste” e ispirate ad uno stile di vita in armonia con l'ambiente?

>> Per saperne di più

Emergenza idrica

L’acqua appartiene a tutti gli abitanti della Terra ed è un diritto inalienabile, individuale e collettivo. Eppure numerosi sono i fattori che oggi sembrano compromettere la disponibilità delle risorse idriche del pianeta. Tra i fattori che destano maggiore attenzione vi sono i cambiamenti climatici all’origine della siccità e delle alluvioni e la contaminazione delle fonti di approvvigionamento. Cambiamenti climatici e siccità.

L’Intergovermental Panel on Climate Change (IPCC) osserva, nel Climate change 2007 – IV Rapporto di valutazione, che i cambiamenti del clima hanno originato “estese variazioni delle quantità delle precipitazioni, della salinità dell’oceano, delle strutture dei venti e delle tipologie di eventi estremi come siccità, forti precipitazioni, ondate di calore e intensità dei cicloni tropicali”.

Secondo i dati IPCC, l’intensificazione dell’effetto serra a seguito dell'aumento di CO2 nell'atmosfera spiegherebbe in buona parte l’aumento delle temperature nelle regioni già aride del pianeta e il conseguente calo delle precipitazioni. E spiegherebbe anche l’aumento delle precipitazioni nei periodi invernali e una loro diminuzione nei periodi primaverili nelle regioni a clima freddo. A questo proposito, l’IPCC chiarisce che “su molte grandi regioni sono stati osservati dal 1900 al 2005 […] significativi incrementi delle precipitazioni nelle parti orientali del Nord e del Sud America, nel Nord Europa e in Asia settentrionale e centrale.

È stata osservata al contempo una tendenza alla siccità nel Mediterraneo, nel Sahel, nell’Africa meridionale e in parti dell’Asia meridionale”. E aggiunge: “sono state osservate siccità più lunghe e più intense in aree sempre più estese a partire dagli anni Settanta, particolarmente nelle zone tropicali e sub-tropicali. L’aumento di periodi secchi, collegati alle alte temperature e alla diminuzione delle precipitazioni, ha contribuito alla siccità. I cambiamenti della temperatura sulla superficie del mare, delle strutture dei venti e la diminuzione del manto nevoso e della copertura nevosa sono anch’essi collegati alle siccità. La frequenza degli eventi di forte precipitazione è aumentata sopra la maggior parte delle terre emerse, in linea con il riscaldamento e con gli aumenti osservati di vapore acqueo in atmosfera”. Contaminazione delle fonti di approvvigionamento.

Oltre agli effetti del cambiamento climatico globale, altri fattori giustificano l’allarme per una vera e propria emergenza idrica lanciato da più parti. Tra questi, figurano l’aumento della popolazione mondiale che accresce enormemente la richiesta di risorse idriche e l'inquinamento delle principali fonti di approvvigionamento (cioè i fiumi, i laghi e le falde acquifere che rappresentano i serbatoi naturali di acqua necessaria per rispondere al fabbisogno dell’uomo).

All’origine dell’inquinamento dell’acqua sono:

  1. gli scarichi civili che riversano materia organica senza alcun trattamento di depurazione (inquinamento urbano) 
  2. gli scarichi industriali che raggiungono direttamente i fiumi o il mare, o che arrivano indirettamente a fiumi e laghi attraverso le precipitazioni meteorologiche (inquinamento industriale) 
  3. i fertilizzanti e i pesticidi usati in agricoltura che provocano l'inquinamento delle falde acquifere (inquinamento agricolo).

A questo proposito, proprio le attività agricole si distinguono come il comparto che è il maggiore consumatore di acqua dolce (80 percento) e grande utilizzatore di sostanze chimiche che impattano sull'ambiente e sulle risorse idriche. Di fronte a questo scenario, è quindi fondamentale individuare misure tecniche e normative che siano in grado di preservare le fonti di approvvigionamento idrico e garantire una sostenibilità a lungo termine dei sistemi di gestione dell'acqua.

Di seguito, ecco alcune azioni concrete per fronteggiare l’emergenza idrica del pianeta individuate dagli esperti (fonte Wikipedia): - desalinizzazione dell'acqua marina per usi agricoli o domestici; - monitoraggio costante dei livelli di precipitazioni atmosferica, per individuare eventuali periodi in cui la quantità di acqua richiesta supera quella disponibile; - adozione di piani di rotazione delle colture per minimizzare l'erosione del terreno e favorire la coltivazione di piante più resistenti alla siccità; - raccolta e stoccaggio dell'acqua piovana; - purificazione e depurazione dell'acqua già utilizzata per consentire un suo riutilizzo; - costruzione di acquedotti per portare acqua nelle zone più soggette alla siccità; - restrizioni nell'uso dell'acqua, specialmente per quanto riguarda l'irrigazione delle piante, il lavaggio delle automobili o l'uso delle piscine.

Rai.it

Siti Rai online: 847